News

FORMATO BOTTIGLIE

 

L’arte di imbottigliare

 

Il Litro e il Mezzo Litro

 

Per utilizzare i migliori sugheri.

 

Il progetto, iniziato insieme all’azienda agricola Kante di Trieste, è stata una visione rivoluzionaria dell’imbottigliamento e di tutto il processo produttivo a seguire.

Siamo partiti dalla ricerca delle migliori plance di sughero di qualità superiore, che però risultavano eccessivamente ridotte per ottenere un tappo per le bottiglie normali. Nonostante la loro abbondanza in natura erano quindi quasi del tutto inutilizzate a causa della dimensione ridotta. Per poter usufruire di questa migliore opportunità abbiamo dovuto convincere una vetreria a progettare una bottiglia con un collo decisamente più stretto, calibrato, le cui nuove proporzioni ci hanno fatto riflettere sul rapporto vino/sughero.

Dalla Magnum, la bottiglia da 1,50 litri che molti additano quale la più indicata al migliore affinamento nel lungo periodo, abbiamo ripreso il “magico” rapporto e lo abbiamo scalato opportunamente. Abbiamo così ottenuto il Litro, dalla forma unica ed elegante e dalle adeguate proporzioni. Tappo e bottiglia non sono più semplici contenitore e chiusura, bensì parti integranti ed importanti di un processo di equilibrio che è l’affinamento in bottiglia.

E con il Litro nasce anche il Mezzo Litro, bottiglia che ripropone le proporzioni della classica bottiglia da 0,75 litri, ma con un tappo ridotto di qualità superiore, congruo alla quantità del vino contenuto.

E perché allora usiamo ancora i tappi “normali” e le bottiglie da 0,75 per alcuni vini? Per dichiarare volutamente la differenza tra vini a lungo invecchiamento e vini che escono sul mercato prima.

A voi la scelta.

© RADIKON - P.Iva 01089460313 - Credits RGBlab